Teac
Redazionali
Tutorial
Annunci
Forum

Exhibo presenta Teac VR 10 e VR 20

  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it
  • Mail

Teac, divisione consumer del marchio giapponese Tascam, lancia due registratori digitali palmari da impiegare dovunque, nella mobilità di ogni giorno e dove la registrazione debba restituire risultati di "altissimo livello".

VR-10
Il formato ottimale di registrazione audio prevede il formato PCM a 24 Bit/48 kHz [risposta in frequenza 20-20kHz (-1/+3dB, 44.1kHz) 20-22kHz (-1/+3dB, 48kHz)] .

Come si impiega? Semplice, basta collegargli un microfono esterno o un cavo di linea terminato con jack per registrare in dub da una sorgente esterna.
Oppure possiamo impiegarlo in configurazione “stand-alone” con gli ottimi microfoni stereo omnidirezionali interni.
Poi possiamo scegliere se registrare col livello in automatico e il filtro passa basso, o effettuare regolazioni manuali di volume durante la ripresa audio; tutto comunque verrà memorizzato sulle comodissime schede di memoria a stato solido micro SD e Micro SDHC Card, come quella da 2GB prevista di serie nella confezione.

Sono previste funzioni di equalizzazione in registrazione e in playback oltre a filtri per la cancellazione del rumore.
Un buffer di pre-registrazione di due secondi ci aiuta a non perdere l'inizio di eventi live, spesso imprevedibili.
La comunicazione verso il mondo esterno e il PC è garantita dalla presenza della porta USB 2.0.

VR-20
Il gemello del VR-10 è il Teac VR-20, anche lui registratore digitale per voce e musica super tascabile.
La differenza macroscopica tra i due modelli è che nel VR-20 sono previsti due microfoni a condensatore electret che possono venire aperti e ruotati per adattarsi al campo sonoro.
In più, quando ripiegati in posizione “naturale” si comportano da microfoni direzionali – e sono quindi perfetti dove vogliamo escludere il più possibile il rumore circostante dell'ambiente, come nelle interviste.
Quando aperti, i due microfoni assumono caratteristiche di ripresa omni-direzionale così da captare una scena molto ampia in stereo: perfetti in un concerto.

Per il resto le caratteristiche sono praticamente identiche, quelle che abbiamo detto, con registrazione manuale o automatica a scelta nei formati PCM WAV o MP3, uso di schede di memoria SD e SDHC, altoparlante interno, velocità di playback variabile, cancellazione del rumore, Eq in registrazione e playback, buffer di pre-rec di 2 secondi, lettura repeat di porzioni, funzione flashback, registrazione via timer, ingressi mic, linea e uscite audio stereo mini e USB, sei ore circa di registrazione, stand pieghevole per montaggio su un piano.

  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it
  • Mail

Viewers of this article also read...