Tascam DP-008
+
Tascam DP-008

Tascam DP-008

  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it
  • Email

Tascam presenta il nuovo DP-008, registratore digitale “super portatile” Portastudio a 8 tracce, veramente piccolo, addirittura alloggiabile in un case per chitarra e alimentato a batterie.

Sulla scia del successo della serie Portastudio, presente sul mercato da trent'anni e del precedente DP-004, il nuovo Tascam DP-008 vi aggiunge altre quattro tracce, così da arrivare a un totale di otto, direttamente mixabili.
Dovunque siamo, anche in camera da letto, possiamo registrare audio in alta qualità (44.1kHz/16-bit) su una scheda SD/SDHC (in dotazione ne è prevista una da 2GB) fino a due tracce in simultanea per take (in stereo o due tracce mono indipendenti); poi mixare il tutto grazie a manopole dedicate, con volume, pan e riverbero e creare un playback simultaneo di otto tracce.
Il DP-008 prevede due ingressi microfonici bilanciati (XLR e phone jack) con alimentazione phantom e ingressi di linea sbilanciati (uno ad alta impedenza per chitarra).

L'interfaccia, semplice ed intuitiva, con manopole e pulsanti dedicati alle principali funzioni (comprese Eq, riverbero, Bounce, etc), lo rende ideale per catturare l’ispirazione, per registrare una demo o un concerto acustico dal vivo, magari grazie ai microfoni a condensatore integrati.
Le tracce sono mixabili su una traccia stereo dedicata, l’equalizzazione è disponibile su entrambi gli ingressi così come su ogni traccia.
Una porta USB-2.0 fa da interscambio dati con il computer e permette di esportare i mix, singole tracce Wav o backup, importare tracce individuali o ripristinare song.

Scrive la casa produttrice: "In pratica, il registratore digitale ultra portatile DP-008 prosegue nella tradizione di registratori domestici eccellenti portata avanti da Tascam da trent'anni a questa parte con una ricetta molto moderna di feature che semplificano la vita di chi fa musica a livello amatoriale e domestico ma a un livello qualitativo assolutamente professionale e “più-che-perfetto” per il 21esimo secolo."
  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it
  • Email

Viewers of this article also read...