Autoproduzioni & Business
Forum Tematici Autoproduzioni & Business
  • Modifica la dimesione del testo
  • Stampa

Come Farsi uno studio (prima parte)
  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it
  • Mail

La magia dello studio di registrazione ha spesso incantato anche i professionisti più stagionati. Tra tutte le manopole, gli interruttori, i pulsanti sull’attrezzatura e sulle console, non c’è da stupirsi per lo smarrimento in cui si potrebbe sentir sprofondare la maggior parte dei “non tecnici”. D’altra parte in molti – artisti, compositori, produttori e ingegneri sonori – potrebbero arrivare a mettere insieme un proprio studio, ad esempio, per la composizione e pre-produzione. Altri invece potrebbe decidere di fare il grande passo e creare un complesso di registrazione completo in grado di registrare album professionalmente. Questa serie di articoli tenterà di mettere in luce alcuni aspetti e considerazioni di cui tener conto quando si crea uno studio, si tratti di un piccolo studio casalingo o di uno studio di registrazione professionale.

Considerazioni sparse

La magia dello studio di registrazione ha spesso incantato anche i professionisti più stagionati. Tra tutte le manopole, gli interruttori, i pulsanti sull’attrezzatura e sulle console, non c’è  da stupirsi per lo smarrimento in cui si potrebbe sentir sprofondare la maggior parte dei “non tecnici”. D’altra parte in molti – artisti, compositori, produttori e ingegneri sonori – potrebbero arrivare a mettere insieme un proprio studio, ad esempio, per la composizione e pre-produzione. Altri invece potrebbe decidere di fare il grande passo e creare un complesso di registrazione completo in grado di registrare album professionalmente. Questa serie di articoli tenterà di mettere in luce alcuni aspetti e considerazioni di cui tener conto quando si crea uno studio, si tratti di un piccolo studio casalingo o di uno studio di registrazione professionale.

Ouverture
Grande è meglio?

Sono importanti le dimensioni? Alcuni potrebbero dire di sì, ma non è sempre così. Le dimensioni dello studio sono molto importanti. Una sala troppo grande potrebbe diventare “ultra-reverberant” o comunque, piena di echi indesiderati. Una sala troppo piccola potrebbe conferire una sonorità stretta, asfittica e innaturale. È importante che le dimensioni della sala e la sala stessa siano adatte al tipo di musica che si vuole registrare. Non si dovrebbe entrare una stanza molto piccola per registrare batterie “BIG rock”. Sebbene, possano essere ottenuti grandi suoni con l’aggiunta di effetti esterni in un secondo momento, per esempio reverb, per simulare l’ampiezza di una stanza quando necessario.

Ouverture

È preferibile insomma trovare una stanza nella quale si possa raggiungere il suono che si sta tentando di ottenere già dall’inizio del processo di registrazione. Più piccola la stanza, più piccolo e più definito sarà il suono; e questo non è necessariamente un male. Piccole stanze strette possono dare risultati molto positivi per quel che riguarda voce, chitarre e percussioni, se tendete a un suono pulito almeno. Grandi camere hanno più aria e spazio per permettere al suono di viaggiare, in questo caso sarà infatti un suono più aperto, più esteso. Il suono ha un tempo più lungo per viaggiare, per permettere all’onda sonora di spostarsi, quindi la riflessione da parte delle pareti richiederà più tempo per rimbalzare indietro nuovamente creando un suono più spazioso. La decisione delle dimensioni e del suono relativo, deve essere decisa prima dell’inizio della registrazione. Il vantaggio che avrà la sala più grande sarà la capacità di essere ridimensionata successivamente chiudendo e separando gli spazi utilizzando pannelli modulari o gobos. I gobos sono strutture in grado di frammentare, sono partizioni che consentono di bloccare il suono, collocandole tra musicisti, strumenti e microfoni. Posizionare il gobo intorno al microfono, a una distanza ravvicinata, contribuirà a dare l’impressione che una camera grande con troppo suono ambiance sembri più piccola. Si impedirà insomma al suono di essere rifelsso dalle mura che sono ulteriormente lontane.

Camere piccole possano produrre suoni grandi, pesanti e stretti con l’assenza del decay dal riverbero che è presente invece nelle grandi camere. Una grande sala può talvolta restituire suoni slavati, poco definiti  o lontani. Con un buon ingegnere e un po’ di regolazione qualsiasi stanza può avere un ottimo suono. Una sala dai suoni poveri può essere modificata per suonare bene, anche se questo può richiedere molto più lavoro e tempo. Decidere della dimensione spaziale adeguata alle vostre esigenze è fondamentale per i suoni che otterete ri-prodotti: la dimensione determinerà infatti profondamente il tipo di suono che potranno riprendere i microfoni.

Battere le mani in una stanza può dare una buona, quanto immediata, rappresentazione di come una stanza potrà suonare. La riflessione acustica delle mura di una sala potrà essere percepita da un semplice battito di mano. Il test vero e proprio, però, è quello di provare alcuni strumenti o la voce, posizionandoli nelle varie sezioni della stanza, fino a raggiungere la qualità audio ottimale. Se un lato della camera suona male sarà necessario cercare un posto diverso o spostarsi in un altro angolo fino a quando il suono sarà migliorato.

Sperimentare diverse sezioni della camera può mantenere il suono fresco durante la registrazione di molti strumenti. Se la chitarra acustica viene registrata nel centro della stanza, quando sarà il momento per registrare le chitarre elettriche si potrà provare loro registrazione in un angolo della sala per un suono diverso. Questo dara chiarezza al mix finale creando separazione e distinzione su vari suoni.

Inoltre, se stai aprendo il tuo studio, ricordati che, più grande sarà lo studio, più elevato sarà l’importo delle fatture. Il vantaggio infatti è che i grandi studi possono calcare di più sulle tariffe.

Capire ciò di cui hai bisogno

Se per caso ti capitasse di entrare in quel 2 % di milionari, di sfornare una hit, di diventare un famoso produttore o artista (o anche se solo vincessi alla lotteria), potresti anche pensare all’acquisto di attrezzi da studio seri per impostare il tuo “paradiso del produttore”.

Acquistare il materiale adeguato e il giusto personale è fondamentale per un grande studio e per registrazioni di successo. Gli attrezzi però sono costosi e la conoscenza e la spaienza dei tecnici che utilizzano gli attrezzi non ha mai un basso prezzo. Affittare le persone giuste può portare a risparmiare denaro e tempo nel lungo periodo. Anche quella dei progettisti di studio è una razza speciale che può rendere il tuo studio un successo o un fallimento. Il vostro amico “Joe il falegname” potrà anche costare di meno, eppure se lo studio non è adeguatamente isolato, per il suono è un grande spreco di tempo, di energia e finanze.

Ouverture

L’ingegnere di studio è anche il punto focale intoorno al quale orbitano le sonorità che si vogliono creare. Avere un ingegnere esperto, coinvolto nel processo di costruzione e sistemazione conferirà al suono un proprio carattere. Sarà il paio extra di orecchie che potrà dare un’altra dimensione alle vostre produzioni. Sarà anche un partner di consulenza critico quando sceglierete di affittare o costruire lo studio. Lascia che gli esperti ti aiutino con i propri consigli, risolveranno più di un mal di testa nel lungo periodo. L’ingegnere esperto possibile compilare un a lista di tutto l’equipaggiamento necessario per registrare la musica pertinente al tuo mondo. Potrà dare anche alcune linee guida su come lo studio dovrebbe essere settato prima di consultare un designer. Non ci si può permettere di tirare a indovinare su queste cose.

I professionisti

I professionisti, naturalmente, dovrebbero essere consultati ogni qualvolta ciò sia possibile, per ottenere, insieme, ciò che si desidera in qualsiasi situazione di lavoro. Non sarà raro vedere ingegneri e musicisti arrivare a concludere le transizioni avviate dal produttore.

Alcuni tra gli ingegneri-produttori più riconosciuti:

George Martin- il quinto membro (ingegnere / produttore / arranger) dei Beatles. Proprietario dei Lyndhurst Air studios a Londra. Ha contribuito a diffondere le registrazioni multitraccia. Céline Dion, UFO, America, Jeff beck, Mahavishnu orchestra, Little River Band,  Cheap Trick, Earth Wind and Fire, Cilla Blak, Kenny Rogers…

Eddie Kramer [1] Eddie Kramer- uno degli ingegnere più rispettati / produttori di musica rock. Ha studiato pianoforte classico, violoncello e violino da bambino in Sud Africa. Led Zeppelin, Jimi Hendrix, Kiss, Sammy Davis Jr., The Kinks, Traffic, The Beatles, The Rolling Stones, The original Woodstock concert soundtrack, Anthrax, Whitesnake, Buddy Guy…

Tom Lord-Alge- “The Doctor of Spank”. Spank si riferisca lla compressione. Avril Lavigne, Pink, Fall Out Boy, Blink 182, Phil Collins, Santana, Faith Hill, Backstreet Boys, Marilyn Manson, Carly Simon, Good Charlotte, Dave Matthews, Sum 41, Hole, Annie Lennox, Sarah McLachlan, 30 Seconds to Mars, The Wallflowers, Weezer, Everclear, Yellowcard, Third Eye Blind, OMD, Steve Winwood, Foreigner, Chaka Khan, Tricky, Eve 6, Live, Fuel, New Found Glory, No Doubt, M2M,Lisa Marie Presley, Mick Jagger, The Rolling Stones, Liz Phair, Limp Bizkit, The

Verve Pipe…

Chris Lord-Alge- My Chemical Romance,”Transformers” the movie, Green Day, U2, Tina Turner, Santana, AFI, Pink, Tim McGraw, Enrique Iglesias, Rob Zombie, Cortney Love, Prince, Pussycat Dolls, Stevie Nicks, Hoobastank, Joe Cocker, The Used, Stone Temple Pilots, P.O.D. Johnnie Lang, H.I.M., Jewel, Michelle Branch,30 Seconds to Mars, Breaking Benjamin, Expose, Collective Soul, Switchfoot, Randy Travis, Melissa Etheridge, All American Rejects, The Donnas, Pepper, The Black Crowes…

Tony Visconti- David Bowie, Morrisey, T-Rex, Ziggy Marley, Thin Lizzy, The Moody Blues, Badfinger, Adam Ant, Squeeze, Briam Eno, Iggy Pop, The Alarm …

George Massenburg- 10,000 Maniacs, Aaron Neville, Bonnie Raitt, Cher, Dolly Parton, Earth, Wind and Fire, Herbie Hancock, James Taylor, Journey, Kenny Loggins, Linda Ronstadt, Little Feet, Ry Cooder, Ricky Scaggs, The Emotions, Toto, Tower of Power, Weather Report. George Massenburg is also the creator of one of the worlds best EQs by George Massenburg Laboritories(GML).

Plan de groupe

Eddie Kramer [1]

Ed Cherney-Paula Abdul, Billy Joel, The Rolling Stones, Eric Clapton, Bob Dylan, Neil Diamond, Bob Seger, Michael Jackson, Bonnie Raitte, The Knack, The GooGoo Dolls, Iggy Pop, Crosby Stills Nash and Young, Elton John, B-52s, The Ohio Players, Travis Tritt, Wynona Judd, Jackson Browne, Barbara Streisand, Tenacious …

Sylvia Massey Shivy- Una dei più importanti ingegneri / produttori dell’industria musicale.  Dishwalla, Seven Mary Three, Powerman 5000, System of a Down, Sevendust, Melissa Etheridge, Rage Against the Machine, Bjork, Foo Fighters, Fugees, Blur, Beck, Alanis Morrisette, Patti Smith, Smashing Pumpkins, Luscious Jackson, Oingo Boingo, Slayer, Donovan, Red Hot Chili Peppers, Tool, Prince, Fishbone, Ziggy Marley, Jefferson Starship, Tom Jones, Elton John, The Time, OMD, Babyface, Lisa Haley, Johnny Cash, Tom Petty, Beastie Boys…

Hugh Padgham- David Bowie, Genesis, Sting, The Police, Phil Collins, Melissa Ethridge, Bee Gees, Elton John, Sheryl Crow, per nominarne solo alcuni

Check List: Part 1

Quando si acquista l’attrezzatura da studio sarebbe saggio cercare solo ciò che è indispensabile per lo stile musicale che si vuole produrre. Se non hai intenzione di registrare batterie dal vivo nel tuo studio, non è necessario acquistare una serie di microfoni e stand panoramici per percussioni. Con una paziente ricerca dei prezzi migliori, possiamo risparmiare un sacco di soldi. D’altronde si possono arrivare a risparmiare da 50 a 100 euro su ogni pezzo dell’attrezzatura e ci sono una tonnellata di attrezzi necessari per mettere insieme uno studio adeguato.

Di seguito un elenco di base che sarà discusso in ulteriore dettaglio negli articoli successivi. Questi sono gli elementi essenziali di registrazioni moderna e gli strumenti più comunemente utilizzati negli studi migliori del mondo.


LA CHECKLIST degli attrezzi di STUDIO:

CONSOLE DI MISSAGGIO REGISTRAZIONE

L’ingegnere o il produttore lavora su una console che controlla tutti i livelli per la registrazione, la riproduzione e miscelazione.

Plan de groupeRecording/Mixing Console

Plan de groupe

Channel Strips

Questa è  la grande tavola con tutti i pulsanti, interruttori, pomoli, faders, livelli di controllo e segnale di routing per ciascuno strumento. Potrebbe essere definita, questa tavola, board, console o mixer. Le console più comuni nei grandi studios sono SSL (Solid State Logic) o Neve. La console è il pezzo più importante degli attrezzi nello studio. Controlla le operazioni complessive del flusso di segnale e manipolazione del suono. La console consente ad ogni strumento di essere presente sul proprio canale del mixer. Ogni canale può quindi avere i propri effetti inseriti nel percorso del segnale per migliorare il suono. Un segnale può anche essere indirizzato verso attrezzatura esterna per una manipolazione ulteriore. Tutto quello che può essere immaginato, può essere fatto. Non esistono regole per sperimentare il suono. Un segnale può essere inviato a riverberi, delay, compressori, amplificazioni di chitarra, altoparlanti negli atri o nei corridoi per la registrazione.

Ogni striscia di canale su una console dignitosa conterrà: Faders, Preamplificatori, Panning, Equalizzazione, Filtri, una Matrice di routing, AUX Sends e Returns, Dynamics, Muting & Solo.

Altre caratteristiche della console: Inserts, Regolatore dell’Output, Monitoraggio, Automazione, Grupping, Bussing, Splitting…

Plan de groupePatchbay

PATCHBAY consente a ogni  studio di predisporre l’interconnettività con tutte le attrezzature tramite cavi patch. Il patchbay può essere configurato per attrezzatura specifica e per i requisiti di ogni studio. Tutti gli attrezzi esterni, gli ingressi dei dispositivi, input e output di console e dispositivi di registrazione sono cablate per il patchbay. Il Patchbay può essere analogico o digitale. La più comune è le configurazione di cavo TT bantam

Check List: Part 2

Studio Microphones

Plan de groupe

MICROFONI

I microfoni catturano la sorgente sonora iniziale. Il microfono è la prima tappa nel processo di registrazione, riceve e trasforma l’onda sonora in energia elettrica; l’onda dovrà poi essere amplificata, trasmessa e registrata.

PREAMPLIFICATORI

Amplificano il segnale originale proveniente dal microfono o strumento. Esegue il controllo iniziale del tenore di registrazione. I Preamplificatori si trovano sia sulla console sia come attrezzatura esterne.

Plan de groupeDI Box

DI BOX

La DI viene utilizzata principalmente per strumenti come tastiere e basso, per essere compatibili con ingressi microfonici. La casella DI trasforma i livelli del segnale ‘line’ di strumenti, in segnali a livello di ingrssi microfonici di console e preamp.

COMPRESSORI

Impone ulteriori livelli di controllo e di dinamica provenienti dalle console o del preamplificatore. Solitamente è un rack esterno o un software plugin per DAWs. I compressori controllano picchi e distorsioni del segnale e contribuiscono a rendere più presenti e udibili i segnali più bassi.

FX PROCESSORS

Effetti speciali quali aggiunta di  spazio, dimensione, pitch e delay del segnale o di brani registrati. Di solito sono attrezzi esterni montati in rack o software plugin per DAWs. Processori Multi-FX possano avere reverb, delay, flangers, EQ, compressione e molto altro in un’unica unità.

Plan de groupeDAW = Digital Audio Workstation

FX PEDALI

I piccoli pedali da pavimento sono stati originariamente progettati per l’effettistica della chitarra elettrica. Questi pedali vengono creati per procurare effetti di  distorsione ed effetti speciali, che aggiungono spazio, dimensione, pitch&time principalmente sulle chitarre, ma rappresentano un’alternativa conveniente utilizzata come attrezzatura outboard anche per altri strumenti.

DAW (Digital Audio Workstation)

La workstation audio digitale è come un intero studio all’interno di un computer. Protools, Logic e Nuendo sono solo alcune tra le DAWs che forniscono un registratore digitale multitracks, una console virtuale, una vasta gamma di effetti, la possibilità di modificare e di svolgere sequencing (programmazione musicale). La DAW utilizza software, hardware e computer in combinazione per operare.

Plan de groupeControl Surface

SUPERFICIE DI CONTROLLO

La superficie di controllo funge da console che controlla una DAW o un computer esterno. La superficie di controllo ha solitamente faders, manopole e pulsanti controllati dal computer connesso a un DAW. In questo modo la DAW  diviene davvero molto simile a uno strumento analogico regolabile attraverso faders anziché facendo clic su un mouse. Alcune superfici di controllo hanno al contempo caratteristiche della console. Le superfici di controllo più comuni sono prodotte dalla Digidesign.

Plan de groupeAudio Clock

CLOCKING

I registratori digitali utilizzano diversi formati per operare correttamente. Unità digitali campionano il suono  perché venga replicato e riprodotto.Per ‘clocking’ si intende la quantità di tempo tra campioni prelevati per la riproduzione. Se il clocking digitale è disattivato il suono potrebbe diventare nervoso o potrebbe venire aggiunto del rumore al suono nella conversione dall’analogico al digitale. Un orologio di qualità migliorerà il suono. Alcune ‘digital clock sources’ comuni sono prodotte da Prism, Rosendahl, DCS e Aardsync, per citarne alcuni. Alcuni orologi hanno generatori di sincronizzazione costruiti  per coordinarsi con altre macchine.

SYNC GENERATOR

Consente la comunicazione tra macchine affinché diversi dispositivi di registrazione possano essere sincronizzate e operare alla stessa velocità. Il clocking e la sincronizzazione (sincronizzazione) lavorano insieme quando si devono combinare attrezzature analogiche e digitali. La sincronizzazione utilizza SMPTE, MTC (codice tempo midi), orologio MIDI, MMC (controllo midi macchina) per consentire che la registrazione su diversi DAWs e macchine possano essere collegati.

Check List: Part 3

Plan de groupeA Sony CD Recorder

CD RECORDER

Registra e riproduce compact disc. Consente di registrare mixaggi stereo e riprodure questi mixaggi su altri lettori di CD. I CD standard adottano un sample rate di 16 bit e un tasso di campionamento di 44.1 kHz. Sony, Tascam, Alesis e Yamaha tutte producono buoni registratori CD.

Plan de groupeStuder 24 Track Analog Tape Machine

TAPE MACHINES

Sono macchine che utilizzano nastro analogico o digitale per la registrazione e riproduzione della musica. Alcuni puristi nella registrazione audio preferiscono il suono del nastro analogico. Vi sono molte macchine a nastro digitale utilizzate per la registrazione sia di musica che di video.

CABLAGGIO

Sono letteralmente migliaia i diversi cablaggi necessari per ogni singolo studio. I cavi più comuni per la riproduzione sonora, sono bilanciati XLR per microfono, e cavi non bilanciati da 1/4 di pollice per strumenti.

MONITORS / AMPS

Gli speakers, nello studio sono indicati come Monitors. Sono necesari potenti amplificatori per far fuunzionare i monitor. Molti monitor sono ’self powered’, il che significa che hanno amplificatori integrati. Di solito i monitor sono costituiti da tweeter per le alte frequenze, woofer per le basse frequenze e casse che contengono gli speaker e gli altri componenti.

Plan de groupeActive Studio Monitors

CUFFIE / DIFFUSIONE

Possiamo utilizzare un set di auricolari per consentire la comunicazione tra la sala di controllo e lo studio, oppure anche per ascoltare il pre-registrato delle tracce  durante il processo di overdubbing.

STRUMENTI / TASTIERE / BATTERIE / CHITARRE

Potrai avere l’attrezzatura migliore del mondo, ma se gli strumenti suonano male cominciamo con il piede sbagliato. Quasiasi cosa dovrebbe essere considerato uno strumento se produce rumore che potrebbe essere eventualmente registrato.

AMPLIFICATORI

Gli amplificatori  aumentano l’amplitudine o il volume dei segnali elettrici delle onde sonore. Sono utilizzati nell’alimentazione degli speaker. Gli amplificatoori per chitarra e basso possono essere utilizzati per molte altre applicazioni, come l’amplificcazione di una Voce o di un Rullante.

Plan de groupe

STATIVI MICROFONI

Un’ampia varietà di misure e stili sono necessari per uno studio appropriato. Lo stativo per microfono aiuta a mantennere il microfono nella giusta posizione per la migliore qualità possibile.

STUDIO

Ci sono diversi tipi di mobiletti rack e altro mobilio progettato per montare console, attrezzature e dispositivi esterni. L’arredamento interno di uno studio aiuta a conferire le giuste  “vibrazioni” all’interno del sistema in cui si lavora.

To Be Continued…

Questa è la fine della prima parte. nella seconda parte, discuteremo di elettricità, dei requisiti A/C, di stanze separate, delle location e di molto altro…

[1] www.spafax.com/american/music/2007/May/images/EddieKramer.jpg


Rispondi per primo a questo articolo
  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it
  • Mail