Steinberg Cubase 6
+
Steinberg Cubase 6

Cubase 6, Sequencer Generale from Steinberg in the Cubase series.

  • Modifica la dimesione del testo
  • Stampa

Steinberg Cubase 6 : il Test

Cubase SiX

  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it
  • Mail

Mentre Avid e Cakewalk hanno lanciato la nuova versione dei loro rispettivi sequencer di bandiera proprio prima di natale, Steinberg ha scelto il NAMM 2011 per presentare l'attesissima versione 6 di Cubase. Questa nuova versione non sconvolge più di tanto le basi fondamentali del sequencer, piuttosto porta moltissime nuove features che hanno a che fare con la gestione e la funzionalità.

Come ogni due anni, Steinberg ha fatto il lifting del suo sequencer e i possessori della precedente versione dovranno fare una scelta. Per loro la domanda consiste nel capire se l'aggiornamento (venduto per circa $150) valga o non valga la pena. Gli user che non hanno mai usato Cubase vorranno probabilmente confrontarlo con il loro sequencer attuale. il prezzo di Cubase 6 ($500) è nella media dei top sequencers. "Dovrei comprare il nuovo Cubase?" è una domanda quasi impossibile a cui rispondere perché i profili degli utenti sono molto diversi e tutti hanno il loro modo di fare e produrre musica. Di fatto, le nuove caratteristiche potranno far piangere di gioia  qualcuno, mentre qualcun altro potrebbe rimanere totalmente indifferente.

 

Ciò che intendiamo fare qui è un'attenta recensione di tutte le caratteristiche di Cubase 6 di modo che qualsiasi persona possa decidere se siano utili o no. Questa versione apporta numerose nuove feature che interesseranno un ampio range di utenti, dal chitarrista che vive in un piccolo appartamento all'invasato che passa la sua vita assemblando loop, passando per il fan dei MIDI e banco sonoro, o il batterista un po' impreciso.

 

Steinberg Cubase 6

Ma cominciamo  il test con il protocollo: abbiamo installato Cubase 6 sul nostro iMac con Snow Leopard, il che permette di testare le versioni 32-bit e 64-bit del sequencer. entrambi le versioni erano abbastanza stabili (il sistema è andato in crash soltanto una volta), ma  alcuni plug-in non poteva essere caricato nella versione 64-bit a causa del problema di compatibilità con il VST Bridge sviluppato  per permettere all'utente di utilizzare plug-in con un sequencer 64-bit. Abbiamo notato che plug-in utilizzando il VST Bridge non permette il drag 'n' drop tra la finestra di software e il sequencer, il che può essere un handicap in alcuni casi. Oltre tutto, tutti i plug-in, utilizzando il VST Bridge condividerà 4 GB di memoria, anche seil tuo computer ha 16 GB di RAM... se ti serve la versione 64-bit, bisogna sapere che qualche funzione non è ancora disponibile, p.e. l'MP3 e l'OMF export, il Tonic, l'Embracer e il Monologue virtual instruments e ReWire (per Propellerhead). Dovremmo anche controllare se i plug-in sono disponibili in versione 64-bit o se supportano il VST Bridge.

 

Ora che conosciamo questi dettagli, possiamo incominciare a scoprire la sesta versione di Cubase.... Questo test è torientato soprattutto a discutere le caratteristiche della versione 6. Ti raccomandiamo di  leggere il test sulla precedente versione se non conosci per niente il programma.

Estetica, Comfort e Comodità d'uso

Steinberg Cubase 6

Prima di installare i l software con l'immagine disco scaricata (7.25 GB), prendiamo la documentazione PDF. Rimpiangiamo la mancanza di una documentazione stampata, ma considerando le dimensioni del manuale  utente (700 pagine), abbiamo apprezzato la funzione  search nel PDF e le sottocategorie. Cì è anche piaciuto il fatto che Steinberg fornisca una dozzina di video tutorial molto utili che sicuramente aiuteranno i principianti alle prese per la prima volta con il prodotto.

Non appena abbiamo aperto Cubase 6, abbiamo immediatamente visto che la GUI è stata ritoccata: sembra più chiara  ed è oggettivamente più carina. Niente di rivoluzionario ma lo apprezziamo. Puoi anche cambiare i colori del meters nel mixer, la luminosità dei controlli, le sfumature, la chiarezza e l'intensità!

 

Per  un migliore comfort di utilizzo, la MIDI learn function è ora direttamente implementata nell'interfaccia Cubase per tutti i plugin VST3. Potrete trovare i Quick Controls nella colonna di sinistra della finestra di progetto. Questa colonna gioca un ruolo importante ed è molto utile per diverse ragioni. Per le tracce MIDI e audio, ti dà accesso diretto a diversi parametri (in aggiunta ai Quick Controls): insert effects, EQs, effect sends, notepad, audio track, expression map, Note Expression (torneremo più tardi su questa funzione) e MIDI insert per le tracce MIDI. Si troverà questa stessa colonna, con diversi parametri, nel key editor (quantify, transpose, length) e sample editor (markers, audiowarp e altre funzioni) dedicate rispettivamente ai file MIDI e audio. Questo fornisce coerenza tra la finestra del progetto e la finestra di editing. Prima di gettarci nelle nuove feature del sample editor, abbiamo notata che è ora possibile salvare file da MediaBay (il che include sample e loop) da un hard drive estero che puoi portare ovunque con te. Puoi anche esportare le note di ciascuna traccia su un text file, funzione che può dimostrarsi davvero utile. Un'ultima osservazione: non è più possibile cancellare una traccia utilizzando il tasto "Delete" della tastiera. Cancellare tracce per errore fa ormai parte del passato!

 

Ma torniamo operativi! Cominceremo caricando alcuni file audio per poi aprirli con il sample editor.

 

Affettando Musica

 

Steinberg Cubase 6

Dopo aver cliccato due volte su un audio event, la finestra sample editor si apre mostrando le nuove funzioni sulla colonna di sinistra. Sia che tu voglia dividere i dati audio o utilizzare la funzione AudioWarp (introdotta nella versione di Cubase 5), dovrai definire prima gli hitpoint. PEr fare ciò avrai a disposizione uno strumento davvero efficace: il fader threshold permette di di settare più o meno hitpoint sui transient a seconda dei tuoi bisogni. nella maggior parte dei casi bisognerà avere un hitpoint sull'attacco di ciascuna nota in modo  da poter creare slices (utili per parti ritmiche), Warp Tabs (se vuoi utilizzare AudioWarp per riparare il timing delle voci o degli strumenti) o delle MIDI notes (per rimpiazzare le batteria per esempio). Hai anche altre possibilità, come creare un groove per utilizzarlo nel menu 'quantize' (comodo per sincronizzare una parte di basso con un groove di batteria in un attimo) o per creare markers, regioni e eventi. Ecco un esempio di una chitarra il cui tempoè stato risistemato con  AudioWarp:

 

 

 

00:0000:00
00:0000:00

 

 

 

Steinberg Cubase 6

Se volessi dividere un parte di batteria, puoi convertire gli hitpoint in slice, da quantizzare sulla griglia. Qual è la novità? Bhé Cubase, primeggia tra i multitraccia per batteria. Puoi raggruppare tutte le tracce in una cartella e definire gli hitpoint sulle tracce (di solito casse, rullanti e hi-hat o, in casi rari tracce di room o overhead) per avere la possibilità di effettuare lo slice sull'intera cartella.Puoi settare poi la priorità delle parti basandoti sui colpi di cassa o sulla traccia di rullante. Una volta che la cartella è stata trattata , tutte le tracce vengono tagliate nel medesimo punto e l'editing (move, quantize) si applica all'intero gruppo di tracce. Questo significa che non ci saranno problemi di phase. Si può allora scegliere di aggiungere auto-crossfades per evitare i click. E tutto questo è disponibile in una singola finestra (il quantize panel) e richiede solo 10 secondi... Ora potrai vedere come sia facile e facile e veloce sincronizzare una batteria multitraccia con il tempo della song. Come esempio, abbiamo utilizzato un batteria multitraccia (overhead, room, cassa, rullante, hi-hat) con seri problemi di timing e l'abbiamo quantizzata con Cubase in alcuni secondi. Il risultato è abbastanza soddisfacente anche se l'edit è percettibile nell'overhead e room. Sul secondo sample il problema si deve soprattutto al fatto che l'hi-hat  è suonato aperto, rendendo qualsiasi cross-fade quasi impossibile! Potrete probabilmente notare che il risultato è più convincente sul primo hi-hat, suonato chiuso.

 

Drums 80 pas carree
00:0000:19
  • Drums 80 pas carree00:19
  • Drums 80 quantifiee00:19
  • Drums pas carree00:19
  • Drums quantifiee00:19

 

 

Considerando che gli hitpoint sono stati settati, abbiamo provato a sostituire i colpi di batteria , cioè a fare un 'drum replacement'. Abbiamo creato una traccia MIDI e l'abbiamo assegnata a Groove Agent. Il risultato, dopo un paio di minuti è molto soddisfacente. Il grosso vantaggio di Cubase 6 è quello di fornire strumenti che permettono di lavorare velocemente ottenendo risultati soddisfacenti e utilizzabili già di per sé.

 

 

00:0000:00
00:0000:00

 

 

 

Una delle più importanti nuove features implementata per i loop user e per le persone che vogliono lavorare con il pitch shifting è l'introduzione di Elastique Pro e Elastique Efficient della Zplane. Nella versione 5, Steinberg ha già aggiunto Elastique Soloist V2 per i suoi VariAudio, che permettevano di aggiustare l'altezza timbrica e il timing delle voci o degli strumenti monofonici. ll Produttore ha fatto le cose per bene a ha incluso questi nuovi algoritmi che ti permettono di alzare la tonalità con una qualità mai sentita prima in Cubase. Per testare questa caratteristica, abbiamo composto una canzoncina utilizzando i loop inclusi in MediaBay e poi alzati/abbassati i valori del tempo utilizzando la traccia appropriata. il tutto in real time - nessun bounces.

 

 

 

00:0000:00

 

 

 

 

Steinberg Cubase 6

Come puoi sentire, il risultato è davvero convincente, anche con settaggi estremi. La versione Efficient permette di salvare potenza del CPU senza perdere qualità audio, mentre le tre modalità permettono di dare preferenza al ritmo o alla precisione dell'altezza tonale, o anche a linkare entrambi, come con un tape recorder.

 

Infine, sottolineiamo, la possibilità di scannerizzare un file audio per estrarne il tempo. Questa funzione è molto comoda per le tracce registrate senza click: solamente dopo pochi secondi, Cubase creerà un tempo fluttuante che segue esattamente la traccia originale. Così, l'editing diviene molto più veloce dandoti la possibilità di aggiungere virtual instrument alla canzone e quantizzarla più facilmente con il groove della canzone. Una bella feature per musicisti con il problema del metronomo.

 

Questi ultimi saranno anche felici di sapere che il comping è stato potenziato, ed è molto più user-friendly adesso...

 

Buona la Prima?

Steinberg Cubase 6

Non tutti i musicisti sono dei grandi performer e alcuni di essi hanno bisogno di diversi take per trovare la riuscita migliore. In alcuni casi, ci sono probabilmente diversi file in ogni traccia audio che hanno bisogno di essere editate per creare il miglior take possibile e ottenere "LA" migliore performance. Questo processo, chiamato comping, era già possibile nelle precedenti versioni di Cubase, ma Steinberg ha migliorato l'approccio e ora il comping e davvero un piacere. Perché? Leggi un po'...

 

Quando registri, hai la possibilità di utilizzare la funzione loop in modo che i differenti takes vengano archiviati. Sono tutti accessibili tramite la funzione Lane della traccia. Puoi ora tagliare i take in parti differenti (un taglio con le forbici tagli simultaneamente tutte le lane) e cliccare sulla parte che deve essere tenuta. Non hai più bisogno di muovere gli eventi, il che significa, fare meno errori e risparmiare tempo. I tasti 'solo' sono disponibili per ciascuna 'lane' permettendoti di monitorare un singolo take prima di selezionarlo o scartarlo.

 

Un altro piccoo miglioramento è il fatto che tutte le tracce senza gruppo vengano linkate per l'editing. Questo è molto utile per le registrazioni multitraccia ( uno strumento , diversi microfoni) come già detto nel precedente paragrafo. Insomma,  queste nuove feature non sono proprio spettacolari ma forniscono un miglioramento reale in termini di comfort, minimalizzando la gestione degli errori, permettono di risparmiare tempo.

 

Ma le nuove feature non sono limitate all'audio, anche il MIDI ha avuto diversi miglioramenti....

 

Espressione

 

Steinberg Cubase 6

Partiamo dalla più interessante delle caratteristiche MIDI: NOte Expression. Qual è il segreto dietro al nome? Qualcosa di molto semplice ma potente. In precedenza, quando registravi un instrument MIDI polifonico, le diverse note simultanee potevano essere controllate da diversi parametri come modulation, pitch o volume. Ma questi parametri, sempre applicati a tutte le note dell'accordo. Ora è possibile editare questi parametri per solo una nota dell'accordo, il che aumenta un sacco le possibilità: se suoni tre violini contemporaneamente con la tastiera ( in un accordo per esempio) , potrai applicare un parametro  (per esempio: modulation)  solamente  a una delle tre note. Può essere utile per i fan dei banchi sonori che vogliono maggiore autenticità, o per gli sperimentatori sempre in cerca di nuove soluzioni.

 

Gli strumenti di scaling sono un'altra nuova  MIDI feature. Questi strumenti ti permettono di editare un gruppo completo di note MIDI soltanto con un click  per aumentare/diminuire i valori rispetto a un parametro mantenendo la stessa scala, o aggiungere un fade in o out.

 

 

Pensa anche alla possibilità di importare key switch da altri virtual instrument compatibili (p.e. HALion Symphonic Orchestra o Sonic SE) o per gestire la dinamica nel key editor. In questo modo hai il pianissimo, il mezzo forte o il fortissimo (tra 12) simboli dello 'score editor' disponibili nelle articolazioni del 'key editor'. Questo può essere molto comodo utilizzando un plug-in compatibile VST-3.5 . Le sfumature possono essere controllate dalla velocità , volume o tramite altro CC.

 

Ora, è il momento di posare la tua tastiera MIDI e di prendere la chitarra elettrica: let's rock!

 

Nel Rack

Steinberg Cubase 6

Come Logic e il suo Amp Designer, Samplitude e il suo Vandal, Pro Tools e il suo Eleven Free, Sonar e il suo Guitar Rig 4 LE,  oDigital Performer e il suo Custom '59, Cubase ora offre il suo personale simulatore di guitar amp chiamato VST Amp Rack (premio 2011 per il nome più originale). Questo plug-in include sette modelli che emulano i più famosi amplificatori per chitarra: Marshall, Fender, Vox and co.

 

 

Steinberg Cubase 6

Ciascun modello ha il suo proprio speaker cabinet. E' anche possibile connettere un ampio spettro di stomp boxes prima o dopo il preamp: delay, chorus, overdrive, fuzz, octaver, tremolo, flanger, phaser, reverb, EQ... Include qualsiasi effetto tranne uno whammy, una distorsione, un harmonizer o un ring modulator. Steinberg ha sviluppato una semplice ma efficace GUI: hai sei tabelle per gli effetti di pre-amp (fino a sei stomp-box), selezione ampli, speaker, effetti post-amp (ancora fino a sei effetti), posizione del microfono e sezione master che include un 3-band EQ, un accordatore e un master volume. Nota che potrai connettere gli effetti in qualsiasi ordine.

 

 

 

 

 

 

Steinberg Cubase 6

Parlando in generale, il suono è convincente, considerando che il plug-in è fornito con il sequencer. E' facile e veloce da utilizzare, il crunch sound non è troppo compresso e le distorsioni sono ok. Questo software ti permette di cominciare a lavorare senza problemi. Rimpiangiamo soltanto la mancanza di un  amplificatore per basso o il fatto che includa soltanto due microfoni (SM57 e U87). Inoltre, entrambi i microfoni, possono essere piazzati nella stessa posizione (al di fuori delle sette posizioni). Siamo ben lontani dalla versatilità di Guitar Rig 4, ma non bisogna dimenticare che questo strumento è gratuito  (anche se prima devi comprare Cubase 6!). L'accordatore sembra essere addormentato ed è abbastanza impreciso quando si "sveglia". Comunque questo nuovo plug-in è un'aggiunta molto utile e riempie un vuoto della precedente versione di Cubase .

 

 

Les Paul Sature
00:0000:26
  • Les Paul Sature00:26
  • Les Paul Sature 200:12
  • Esquire Clair 100:31
  • Esquire Clair 200:31
  • Esquire Crunch 100:21
  • Esquire Crunch 200:16

 

HALion

Steinberg Cubase 6

Un'altra importante nuova caratteristica di Cubase 6  l'aggiunta di una versione 'light' del tanto agognato HALion Sonic. Un'idea davvero buona ! Se ti piacesse questa light version, steinberg ha un'offerta speciale per aggiornare la nuova versione. Ma quali sono le principali differenze tra questa versione leggera e la versione completa? Prima di tutto, La versione SE non frnisce alcun editing, sebbene molti controlli veloci  ti permettano di modificare alcuni parametri scelti dal produttore. Considerando le possibilità di editing offerte dalla versione completa, sarebbe forse il caso, per chi se la sentisse, di pagare l'aggiornamento. Non c'è modalità indipendente nè viene inclusi il REVerence reverb (anche se è incluso in Cubase 6). Abbiamo anche notato che il Flex-P arpeggiator/arranger (che ci ppiaceva tanto in HALion Sonic) è scomparso. E naturalmente il sound bannk include meno preset e suoi. comunque, è carino avere una workstation come HALion Sonic direttamente con Cubase 6, anche se è una versione 'light'. HALion Sonic SE rimpiazza HALion ONE, ma tuttii suoni di quest'ultimo sono inclusi in Sonic SE. In breve, questo sofware è davvero una specie di coltellino svizzero che può diventare indispensabile molto velocemente. In ultimo ma non per ultimo, c'è anche d sottolineare che gli utenti di Cubase 6 avranno anche una versione 60-day trial di HALion Symphonic Orchestra.

 

Steinberg Cubase 6

Come per Loopmash, gli è stato fatto un bel lifting, ed eccolo alla versione 2. Inoltre, 20 nuovi effetti concepiti per applicazioni di slicing e il doppio delle scenes (24 scenes). Queste scenes possono essere divise e gestite liberamente. una funzione di undo/redo ti permette di sperimentare senza particolari rischi.  Puoi anche trascinare slice tra le tracce e anche su Groove Agent One. Prezioso! Questi miglioramenti saranno davvero interessanti per i fan dell'electro e dance.

 

Ora, parliamo del prezzo. Cubase 6 è disponibile per 500 $ sul sito del produttore e può essere anche più economico nei negozi. Il prezzo è quello medio epr questo tipo di sequencer. inoltre, l'offerta di plug-in può ora competere con prodotti simili grazie all'aggiunta di VST Amp Rack e HALion Sonic SE. Mentra una funzione come VariAudio è ancora mancante in alcuni competitor, dobiamo anche notare la mancanza strumenti 'live' in Cubase 6, sulla scorta di Mainstage, di Logic.

Conclusione

Due anni dopo il lancio della versione 5, Cubase ritorna con alcuni add-on per completarre le mancanze della versione precedente, soprattutto grazie al VST Amp Rack e ad HALion Sonic SE.  Ci sono numerosi miglioramenti nel design, soprattutto grazie all'aggiunta degli strumenti di 'scaling'  e delle 'lane' e anche all'editing del multittraccia, diventato davvero più semplice. Aggiungete a questo un algoritmo di time-stretching da Zplane, un miglior rilevamento dei transient e il VST Expression 2 (sfumature, esspressività): il risultato è un prodotto notevole per chitarristi, invasati di loop, MIDI fan, e sound designer. Rimpiangiamo soltanto  che le tracce 'instruments' e che ci manca la possibiltà di congelare le tracce. E' anche un peccato che alcune feature non siano disponibili nella versione 64-bit e che il suo VST Bridge non  è sempre perfettamente stabile e comodo con alcuni setup. Detto questo, Cubase 6 è da considerare un traguardo brillantemente raggiunto!

 

  • Time-stretch Elastique Pro di Zplane
  • Strumenti di Scaling
  • Miglioramenti ergonomici
  • Editing multitraccia seplificato (folders)
  • Migliore rilevamento dei transient
  • Lanes
  • Espressività delle note
  • Gestione della sfumature sonore
  • VST Amp Rack
  • HALion Sonic SE
  • Versione 64-bit per Mac
  • Notevoli tutorial video
  • Rilevamento tempo
  • Ancora nessun multi in/out per tracce instrument
  • Ancora nessun editing delle tracce 'frozen'
  • Manuale solo disponibile in PDF format
  • Assenza di alcuni plug-in e feature nella versione 64-bit
  • Upgrade HALion Sonic SE troppo costoso
  • Compatibile soltanto con Windows 7 e Snow Leopard