Avid Pro Tools 9
+
Avid Pro Tools 9 Sequencer Generale

Pro Tools 9, Sequencer Generale from Avid in the Pro Tools series.

public price: 606 € TTC
  • Modifica la dimesione del testo
  • Stampa

Avid Pro Tools 9: il Test

E Luce Fu!

  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it

Al 2010 AES di San Francisco è stato "L'Evento" : il lancio di Pro Tools 9 ha conquistato la luce dei riflettori generando un sacco di aspettative. Pro Tools non è soltante un semplice aggiornamento. E' di fatto una piccola rivoluziona per Avid, dato che la famosa workstation digitale per la prima volta si è "aperta" al mondo esterno.

Negli ultimi due mesi ci sono stati un sacco di rumors a proposito della possibilità che, un giorno, saremmo riusciti a utilizzare la famosa piattaforma audio digitale indipendentemente dalle interfacce hardware dedicate... Tutti stavano pazientemente aspettando questo momento di giubilo: ora Avid Pro Tools non ha più bisogno dell'hardware Avid per funzionare, ottenendo comunque ottime performance. O almeno , questo dicono i produttori americani - leader del mercato pro audio e video.

Sicuramente i più scettici penseranno che sia possibile soltanto con le versioni "leggere"  del software, o qualcosa del genere! Sbagliato! Stiamo parlando proprio DI Pro Tools 9 - una versione quasi "unica" che lavora con tutti i tipi di interfacce audio digitali. Comunque, quando cercate informazioni sul sito Avid, le cose si fanno un tantino più complicate, considerando che ci sono davvero tante possibili configurazioni a prezzi differenti!

Cercando di essere il più chiari possibili, cominceremo dando una panoramica del software principale e delle configurazioni hardware, poi introdurremo le nuove caratteristiche offerte da Pro Tools 9.

 

Menù Della Casa

Avid Pro Tools 9

Fino a questo momento. le opzioni per usare Pro Tools erano abbastanza semplici perché limitate: potevi scegliere tra un costoso sistema Pro Tools HD che includeva almeno una scheda DSP Core aggiornabile con Access cards) o il più abbordabile sistema Pro Tools LE con funzionalità limitate (il prezzo dipendeva dall'interfaccia scelta)... Oggi le configurazioni sono abbastanza differenti, anche se ci sono ancora delle gerarchie, soprattutto parlando di caratteristiche (e di prezzo).

La prima versione rimane la bandiera nel range di DAW Avid: Pro Tools HD 9. Come il suo predecessore questo aggiornamento di Pro Tools HD 8  lavora solo con schede HD Core e Accel PCIe (ciascuna con nove DSP), venduta in bundle, come prima: HD1 system (con una Core card), HD2 system (con una Core card e una Accel card) e HD3 system (con una Core card e due Accel cards). Nessuna sorpresa fino ad ora.

 

Il cambiamento vero arriva con la seconda versione chiamata Pro Tools HD Native, che è una specie di software che fornisce esattamente le stesse feature della versione "HD" ma senza scheda DSP. Pro Tools HD Native è venduto con una PCIe card con due porte Mini-Digilink che permettono all'utente di connettere qualsiasi interfaccia HD, come le nuove schede Avid HD I: 16x16 Analog, 16x16 Digital, HD MADI, e la nuova HD Omni! In altre parole, questa versione Pro Tools è la prima "HD version" che può lavorare senza una scheda DSP dedicata... Infatti , la compatibilità tra i sistemi Pro Tools HD Native e la scheda UAD-2 card è stata ufficialmente annunciata...

 

In ultimo, ma non per ultimo, lo spettro di prodotti include anche un'altra versione, semplicemente chiamata Pro Tools 9, molto simile alla versione HD che lavora sia su Mac che su PC, sia su ASIO su Core Audio digital audio. Questa nuova versione 'hardware-independent' ha il chiaro obiettivo di competere con altri sequencer nativi. Vedremo come andrà a finire.

Più Tracce, Più Possibilità

Come già spiegato sopra ci sono diversi sistemi Pro Tools 9, ma solo un installer per tutte le versioni. E' disponibile in download così come "in box" su tutti i siti Avid ( e tramite tutti i rivenditori) dal 4 novembre 2010. possono essere scelti tutti gli hardware possibili per conversione e registrazione AD/DA. Per installare Pro Tools 9, servono Snow Leopard (10.6.2 o superiuori) su Mac o Windows 7 su PC. I requisiti di sistema per Pro Tools 9 sono gli stessi della versione 8.

Sebbene Pro Tools 9 possa lavorare su qualsiasi interfaccia audio Mac o PC, serve un iLok account e una chiave (inclusa  nella version"boxed" di Pro Tools 9) per autorizzare il programma, il che non era necessario per Pro Tools LE. Su un Macbook Pro, l'installazione di Pro Tools 9 ci mette 20 minuti. Subito dopo, potrai iniziare a giocare con le nuove feature una volta selezionate le schede in/out audio da utilizzare (la scheda audio interna del Macbook Pro, per esempio).

 

Avid Pro Tools 9

Importante dire che il nuovo Pro Tools 9 al momento supporta hardware MP, ASIO e Core Audio, così come le interfacce LE Avid (modelli MBox). Una volta aperto Pro Tools, devi selezionare gli hardware in/out audio da utilizzare. E' stato abbastanza semplice nel mio caso!

 

Sul versante software, Pro Tools 9 (non HD) ha preso il posto di Pro Tools LE. Da un punto di vista della performance, è ora possibile lavorare con sessioni che includono fino a 96 tracce mono/stereo a 48kHz (48 tracce a 96kHz e 24 tracce a 192kHz), 256 internal bus, 128 aux bus, 64 tracce di virtual instrument, e registrare 32 tracce contemporaneamente, Avid ha infine deciso di ascoltare gli utenti di LE che non volevano più una versione "leggera" con funzioni limitate... facendo pure lo sgambetto ai propri competitor.

 

Avid Pro Tools 9

Un'altra importante nuova feature è l'integrazione di opzioni per le quali precedentemente dovevi pagare: MP3 encoding, Digitranslator (permette l'export di OMF/AAF/XMF, TimeCode management, etc.), "full" Import Session Data, multitrack Beat Detective, etc. adesso incluse nell'update. Per farla breve, è come se Pro Tools 9 includesse gli strumenti DV e Music Production. Pur essendo importanti, queste nuove feature, rimediano solo a tutto il tempo perduto (non impazziremo di certo per un MP3 encoder gratuito nel 2011!)... – l'ADC ("Automatic Delay Compensation": gestione/compensazione della latenza dei plugin, bus interni, etc.), era solo disponibile nell'HD fino ad ora. Questa feature porta Pro Tools 9 allo stesso livello dei competitor quando si arriva al mixaggio, anche se il bouncing è ancora disponibile solo in real time (a differenza della maggior parte dei sequencer sul mercato): avere un pezzo da 15 minuti (non così raro se lavori su progetti audio-visual) richiederà 15 minuti di bounce! E' assurdo, ammoggior ragione se quasi ogni sequencer ti permette di svolgere questa operazione offline salvando tempo prezioso...

 

Comunque, ci sono ancora diverse differenze tra questa versione "basic" e le altre (PTHD e PTHD Native): per ottenere tutte le feature del software di un sistema HD (native o no) dovrai comprare il  Complete Production Toolkit 2. Se scegli questa opzione, sarai in grado di creare progetti che ospitano fino a 192 tracce con surround mixer, VCA e funzioni di mixing/editing avanzate... Per la maggior parte degli user abituali di Pro Tools 9, questa funzioni non saranno essenziali, ma diventeranno indispensabili per tutti coloro con metodi di lavoro piuttosto avanzati. Ecco una panoramica della differenze tra tutte le versioni di Pro Tools 9, e un confronto con la versione 8, qui: http://www.Avid.com/US/products/family/Pro-Tools/compare

Anche se abbiamo apprezzato l'apertura rispetto alla compatibilità di Pro Tools 9, rimpiangiamo una mancanza di coerenza in termini di filosofia del costo. Per il suo costo elevato, il Complete Production Toolkit 2 sarà accessibile solo ai professionisti con un budget ben più elevato della media.

Alter-Native e HD

Come già detto, è stato introdotto un nuovo sistema hardware e software con Pro Tools 9: Pro Tools Native. Fornisce esattamente le stesse features del sistema HD, Pro Tools HD Native include una scheda PCIe card con due porte Mini-Digilink e una connessione seriale per un SYNC HD I/O. Il maggior vantaggio di questo sistema è la possibilità di usare schede 'third-party' DSP cards per il  processing, come le UAD-2 card. Così, il consumatore prende il meglio da entrambi i brand! Perché comprare un HD, vi starete chiedendo? Visto che non ha DSP card, i TDM plug-ins (la cui qualità è stat provata nel corso degli anni) non funzionano su sistemi HD Native. In più i sistemi HD forniscono l'opzione HEAT, un plug-in sviluppato con Dave Hill/Crane Song che ricrea il comportamento di registratori a nastro e tecnologie vallvolari. Ma ancora più importante, visto che utilizza la potenza delle sue schede DSP, il sistema HD è l'unico sistema Avid ad essere indipendente dal computer fornendo la stessa performance al di là della workstation di riferimento.

 

Avid Pro Tools 9

Vogliamo puntualizzare qualcos'altro: anche se Pro Tools 9 si è aperto a interfacce 'third party', avid ha lavorato un sacco sulla performance con il suo hardware per assicurare tempo di latenza minimo, il che non è garantito con altri hardware. Con la famiglia di prodotti MBox e le interfacce HD I/O, il tempo di latenza, specialmente per la registrazione, è sempre molto più breve di quello impiegato da un hardware 'third party'. Su un HD Native system con interfaccia HD I/O, Avid fornisce una latenza di 1.66 ms a 96kHz con  un buffer di 64-sample. Grazie alla modalità Low Latency (Output tab  nel setup I/O), la latenza può scendere a meno di un milli-secondo.

 

Comunque il sistema HD rimane sempre il più potente con soltanto 0.44 ms di latenza a 96kHz (con le stesse interfacce). Per le applicazioni di mixaggio, la differenza di performance tra HD e HD Native sono insignificanti. Ma il sistema HD rimane imbattibile per le applicazioni di registrazione: gestione plug-in, hardware inserts, monitoring bus, e processing sono molto facili da gestire e non hai latenza... Il sistema HD Native non gestisce queste feature con la stessa efficienza.

 

Inoltre, il mixer del sistema HD utilizza 48-bit mentre il mixer di Pro Tools HD Native e Pro Tools 9 utilizza un tecnnologia 32-bit 'floating'... Come utente del sistema HD, ho trovato questa nuova filosofia estremamente flessibile: quando compri l'aggiornamento HD, avrai Pro Tools 9 HD più Pro Tools 9. Questo significa poter registrare con un sistema ed editare le tracce successivamente sul tuo notebook, a casa, sul tour bus, ai bordi della piscina... Hai solo bisogno della tua iLok per avere sempre le stesse feature disponibili! Un grosso punto positivo...

 

Ciò che c'è di Nuovo

Avid Pro Tools 9

Dal punto di vista del software, questo aggiornamento porta solo un paio, seppur interessanti, feature. Ho scelto due nuovi funzioni che, dal mio punto di vista, hanno un notevole impatto sul "workflow" di Pro Tools. La prima riguarda il setup I/O. nel passato, se si cambiava studio durante un progetto, era abbastanza difficile gestire i cambiamenti di I/O  tra le sessioni, specialmente se c'erano automazioni per volume, pan, etc. Diciamo solo che era possibile, ma non molto pratico, in un momento storico in cui la velocità del "workflow" è importante quanto la qualità del lavoro.

Con "l'apertura al mondo esterno" delle interfacce audio third-party, gli sviluppatori hanno migliorato la gestione dell'hardware ins/outs. Avid ha risolto il problema creando una nuova maniera di gestire gli output. Da ora in poi, prima di esguire il routing sugli output hardware, i software out nel setup I/O devono essere assegnati agli "output bus"... In altre parole, ora è molto più facile fare il routing degli output sul nuovo hardware, senza dover cambiare i precedenti settaggi del setup I/O, e senza cambiare parametri rilevanti (automation data, etc.).

 

Avid Pro Tools 9

La seconda nuova feature riguarda il routing delle tracce aux e bus. Avid ancora una volta ha ascoltato i consigli dei clientie ha semplificato la creazione di nuove tracce aux e della loro assegnazione. hai bisogno di reverb sulle voci? Clicca sul send della corrispondente traccia per accedere alla possibilità di assegnare il send a un bus o traccia già esistente o a una nuova traccia ancora da creare! Solamente un dettaglio, ma rende il "workflow" molto più semplice e veloce!

 

Infine, Pro Tools 9 include di default il protocollo EuCon, che ti permette di gestire la comunicazione con i prodotti Euphonix. Bisognava aspettarselo considerando che Avid ha comprato il famoso  mixer e la superficie di controllo del produttore la scorsa primavera. Gli user Euphonix sarnno felici di scoprire quanto è diventato facile controllare Pro Tools 9 dal proprio hardware Euphonix. Semplicemente clicca sul checkbox sotto la tabella Periferiche nel menù Preferenze e questo è quanto! Devi solo aver precedentemente installato l'ultima versione del software Eucon per evitare che Pro Tools 9 si chiuda automaticamente...!

 

Questo è Tutto?

Sì, è così. Anche se è una cosa buona vedere prodotti professionali scendere di prezzo, è deludente vedere ce la versione 9 non ha segutio la versione 8 per quel che riguarda le migliorie del software e  lo sviluppo funzionale. a dispetto del suo carattere professionale, Pro Tools, ancora, non ha pitch editor per gestire i formants, non ha convoluzione di reverb, niente Transient Designer, nessun filtro FFT, e molte altre cose che si possono trovare in quasi tutti i prodotti dei competitor. Il software non ha strumenti per la visione del segnale (non c''è spetrogramma interattivo) e non permette la customizzazione dell'interfaccia. Quest'ultimo difetto può in verità trasformarsi anche in un vantaggio: si trova sempre tutto nei sistemi Pro Tools... Insomma, anche in Pro Tools alcune "ombre" potrebbero scocciare qualche utente.


Ora che i software e hardware third party permettono confronti, dobbiamo ammettere che il leader del pro audio è ancora perfettibile .... e anche se puoi rimediare a tutte le pecche comprando plug-in third-party, dovrai comunque utilizzare formati RTAS/AudioSuite/TDM (a seconda della versione che utilizzi) perché Audio Unit e VST non sono ancora supportati. Certo, FXespansion offre un wrapper per convertire i plug-in VST in RTAS, ma dovrai pagare per averlo... Spendere per questi strumenti potrebbe non essere un problema per i professionisti, ma può rappresentare un problema per le persone con budget limitato, specialmente considerando che l'offerta per freeware e software abbordabile come RTAS è molto povera...

A causa di questo fatto, la  versatilità di Pro Tools 9 dipende dalla tipologia di utente. Per i professionisti che vogliono utilizzarlo in studio e 'on the road' (come me), questa versione è un aggiornamento importante perché permette più flessibilità di Pro Tools 8 LE con più tracce e più feature al livello di partenza.... Nello stesso tempo, avendo interfacce come MOTU UltraLite e RME BabyFace, saranno molto più che felici, di avere la possibilità di rimpiazzare la loro piccola MBox con attrezzatura un po' più ambiziosa (anche la nuova MBox potrebbe affascinarli).

Se il supporto di hardware "non-Avid" non è abbastanza interessante per te, dovresti chiederti se questo aggiornamento valga la pena. I miglioramenti non sono molti : al di là della gestione ins/outs  e dell'aux & bus routing, questa nuova versione è davvero molto simile a Pro Tools 8.

Da ultimo, Ci sono questi proprietari di home studio con un budget intorno ai 6004 per il sequencer. Pro Tools potrebbe essere una buona scelta per loro, considerando che è il miglior software per comunicare con il mondo dell'audio professionale. ma bisogna ammettere che la competizione è abbastanza dura in questo segmento e il software Avid ha ancora diverse mancanze: carenza di feature (no offline bounce, no freeze, etc.), ristretta suite di plug-in (anche se migliorata dalla versione 8). Ci aspetteremmo di più da un leader...

Pro Tools Sarà Sempre Pro Tools

E' vero che il concetto Pro Tools non cambia con il nuovo aggiornamento. Avremo probabilmente da aspettare ancora del tempo prima che certe feature appaiano nel software Avid. nonostante questo , il produttore vuole ascoltare quello che i suoi clienti hanno da dire tramite IdeaScale.

Facciamo un po' di chiarezza: il fatto che Pro Tools sia usato dalla maggioranza dei professionisti non è solo dovuto alle operazioni di marketing. A parte la provata qualità delle soluzioni 'ready-to-use' hardware/software nelle possibilità dell'HD, Pro Tools ha sempre avuto una grande risposta grazie alla progettazione del software stesso. Sebbene gli manchino alcune feature, il software permette una facile e veloce registrazione, editing e mixaggio audio, rispetto ad altri strumenti che rendono le cose più complesse a causa della loro ricercatezza ( per esempio, fino alla versione 4, il side-chain era incredibilmente complesso in Cubase e Nuendo rispetto a pro Tools...).

Per le esigenze primarie, il sequencer di Avid non ti deluderà per niente, permettendo a tutti di lavorare bene e velocemente. Questa è la ragione principale per cui rimane la prima scelta di molti professionisti  e per la quale può risultare affascinante per molti principianti che potrebbero facilmente essere spaventati da menù senza fine, tabelle e opzioni nei prodotti dei competitor.... se tutti i sequencer offrissero una versione demo, queste differenze sarebbero ovvie rendendo le decisioni dell'utente molto più facili.

 

Conclusioni

Assicurandosi la compatibilità del prodotto di bandiera con il "mondo esterno", Avid ha fatto un grosso passo in avanti, che certamente  sarà una manna per molti professionisti e semi-professionisti: da ora in poi, si potrà prendere software ovunque, e anche se non in versione HD, si potrà fare un lavoro serio.

 

Dopo i grandi aggiornamenti rappresentati dalla versione 8, ci aspettavamo nuove feature e miglioramenti nei plug-in. Siamo ancora scioccati dal prezzo del Complete Production ToolKit, che guarda maggiormente ai professionisti. Sebbene il Pro Tools  "maggiore" sia abbordabile a tutti i budget, non è il migliore strumento per tutti. E ora chhe può essere davvero confrontato con gli altri sequencer potrebbe soffrire dell'aggressività dei suoi competitor. Ma, dato che Avid non è una compagni che riposta sugli allori, aspettiamo di vedere come evolveerà questo mercato.

  • Pro Tools utilizzabile con interfacce audio third-party!
  • Facilità di installazioni/utilizzo/configurazione del software
  • Possibilità di configurazione
  • Migliorato I/O setup
  • Bus routing più semplice
  • Compensazione della Latenza (finalmente)!
  • Alcune nuove feature rimaste alla versione 8 in termini di funzionalità
  • Nessun supporto VST/AU
  • Il Complete Production Toolkit della versione HD è troppo costoso per i non-pèrofessionisti.
  • Non tutte le interfacce audio sono supportate al 100%
  • Bounce solo in real time
Rispondi per primo a questo articolo
  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it