Informatica Musicale
Strumenti e Attrezzatura Audio Informatica Musicale
  • Modifica la dimesione del testo
  • Stampa

Come Scegliere un Computer per Fare Musica

Mac vs. PC

  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it

Più controversa della battaglia Stones contro Beatles, più serrata di un dibattito Bush vs Obama, più calda della guerra fredda, la controversia Mac contro PC suscita passioni, discussioni senza fine e potrebbe anche essere considerata la causa di diverse rotture violente di amicizie e relazioni. Ma, ancora, questa non è una ragione per non chiederselo, o no? Cercheremo dunque di rispondere alla domanda il più pacificamente possibile.

"Non sono né ateniese né greco, sono un cittadino del mondo."

Aristotele

(accendendo il suo OS X)


"Dobbiamo imparare a vivere insieme come fratelli,

o periremo come stolti."

Martin Luther King

(comprando il suo PC)

 

 

Infatti entrambi sono computer che utilizzano le medesime componenti (CPU, RAM; Hard Drives, etc.) per lavorare con i medesimi obbiettivi, pressapoco nella medesima maniera; mouse e tastiera ti permettono di controllare gli strumenti del software, che offre pressapoco le medesime funzioni; puoi copia-incollare con un PC?

Allora potrai farlo anche con un Mac...comunque, paragonare un Mac con un PC non è un'operazione semplice perché queste parole non descrivono proprio la stessa cosa: il Mac è un computer assemblato esclusivamente da Apple, mentre con PC si intende uno standard tecnico applicato a centinaia di produttori (Dell, IBM, Compaq, Hewlett-Packard, etc.) e includono migliaia di modelli.

 

Perché?Quando la tecnologia informatica esplode nei primi anni 80, i rivali IBM e Apple scelgono differenti strategie: se Apple decide di rimanere l'unico costruttore dei computer Mac, IBM scommette sull'apertura della propria tecnologia per creare un nuovo standard, il PC (Personal Computer). Dopotutto, centinaia di produttori sono partiti dall'acquisto di hardware 'PC-compatible', e questa scelta ha davvero portato grandi vantaggi al mercato del PC rispetto a quello del Mac.

 

Se la fetta di mercato Apple era intorno al 15% negli anni 80, è scesa sotto il 3% nei 90 prima di tornare a crescere in questi ultimi anni grazie a prodotti come l'iMac, l'iPod o l'iPhone. Al giorno d'oggi controllano il 10 % del mercato (secondo le cifre fornite dalla Net Applications) Ma bisogna considerare le cifre nel contesto: nel piccolo mondo dell'audio, le cose sembrano andare decisamente meglio per Apple visto che, anche se non sono mai stati fatti seri studi su questo, le statistiche del traffico di Audiofanzine mostrano che il Mac controlla il 19.6% del mercato.

 

Considerando questo background, potrai chiaramente capire che è difficile confrontare un modello particolare con uno "standard" tecnico: l'unico punto di confronto è rappresentato dalle componenti comuni in tutti i  PC, che li distinguono dai Mac, il sistema operativo.

 

 

 

 

 

 

Windows? Mac OS X?

E Linux?


Come OS X, Linux è una variante del sistema UNIX. Linux è un'alternativa e soluzione open source disponibile in differenti "distribuzioni." I vantaggi? Questo sistema è stabile, potente è dà la possibilità di utilizzare diversi software gratuiti promuovendo un'entusiastica filosofia dello sharing. Svantaggi? Sebbene stia diventando sempre più accessibile alle masse, Linux viene ancora considerato un sistema operativo un po' "Nerd"—anche solo per il fatto che è supportato da pochissimi produttori di software e hardware. Fare musica con Linux è possibile ma non troppo facile per i principianti. E, dato che questo sistema è usato molto poco, avrai difficoltà a scovare utenti che sappiano risolvere i tuoi problemi e incertezze, nonostante i pochissimi siti specializzati disponibili in rete.

Probabilmente conoscerai questi nomi molto bene considerando che tutte le volte che un computer esce dalla fabbrica ci sono sempre due sistemi operativi (Windows da un lato, Mac OS dall'altro) menzionati per distinguere le due piattaforme

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dunque, cosa è un sistema operativo? il sistema operativo è una specie di grande programma che controlla tutte le funzioni essenziali del computer e permette di installare e far funzionare i software dedicati (editing foto e testi, navigazione web, music production, etc etc)

La prima cosa da sapere a proposito dei sistemi operativi è che non sono compatibili fra loro, un software concepito per MAC OS X non funzionerà sotto Windows, a meno che non sia stato trasportato (che significa che gli sviluppatori hanno programmato una versione dedicata per Windows). comunque è vero che esistono alcuni strumenti software disponibili per entrambe le piattaforme, la maggior parte delle quali sono disponibili  soltanto per una di esse: Cubase, Nuendo e Pro Tools per entrambe, ma Sonar, Acid e Samplitude sono applicazioni solo per PC, mentre Logic, Garage Band e Digital Performer lavorano soltanto su Mac. Dunque, scegliere tra Mac e PC significa anche scegliere un sistema operativo, quindi una libreria software.

Di fatto, parlando di produzioni musicali, alla domanda "Mac o PC?" può essere data abbastanza facilmente una risposta avendo già un'idea del software che si ha intenzione di usare: Vuoi usare Sonar? Hai bisogno di un PC. Sei un aficionados di Digital Performer? Fatti un Mac.

 

 

Piccoli Programmi per Grandi Librerie di Software

Al di là della scelta del tuo sequencer, le dimensioni della libreria di ogni piattaforma potrebbe influenzare la tua scelta. Considera per esempio, che le software library disponibli per Windows sono circa dieci volte più grandi delle 'library' disponibili per Mac. Naturalmente la quantità non è la qualità: ma questo condiziona almeno due aspetti: la diversiificazione dell'applicazione e l'offerta freeware.

Se hai intenzione di comprare un Mac solo per le applicazioni musicali, per le applicazioni multimediali o per quelle 'office', non avrai particolari problemi perché la piattaforma Apple è abbastanza adatta a tutti questi target. Ma se desideri un computer su cui installare software dedicati per il tuo business, bisogna ammettere che il Mac può essere abbastanza limitante. Potresti rimanere deluso provando a utilizzare software di gestione (per dottori, site managers, ragionieri, etc... ), strumenti di simulazioni (economica, scientifica, etce tc) e altre applicazioni specializzate su Mac, dato che Apple ha ignorato lo specifico settore professionale per lungo tempo concentrandosi esclusivamente su applicazioni per il settore creativo. E non menzioneremo neppure il settore dei video games, anche se Apple sembra dimostrare più interesse in quest'area, da un po' di tempo almeno...

 

Tornando alle applicazioni musicali, la proporzione di strumenti e software freeware è la stessa applicata ai software "normali": ovvero, troverai dieci volte più strumenti freeware per PC che per Mac. questo significa più scelta per utenti PC, specialmente per quel che riguarda strumenti high-quality. Questo dettagli può essere davvero importante per users con il portafogli vuoto ma che vogliono rimanere nella legalità.
D'altro canto, come compensazione, possiamo dire che Mac OS X - a differenza di Windows -  viene fornito con GarageBand, un sequencer davvero intuitivo, per principianti, che ti permette di creare la tua prima canzone senza dover pagare nulla: un bel punto in più per Apple. Infine dobbiamo dire che da un po' di tempo è possibile far funzionare Windows su Mac. Come? O attraverso un sistema 'dual-boot' ( scegli il sistema che vuoi utilizzare accendendo il computer), o attraverso il sistema di PC virtuali Parallels (Windows funziona in una finestra del Mac). Questa argomento può risultare decisivo visto che non esiste equivalente per PC e questo permette a qualsiasi utente Mac di accedere alla library di software di Windows. Un'altro grosso "più" per Apple. Comunque la maggior parte degli utenti Mac non utilizzano, se non raramente, questa possibilità:  o  perché tutte le loro necessità sono già soddisfatte, o perché, comunque, switchare da un sistema all'altro è difficoltoso (provate a controllare Windows con una tastiera Apple... ) In ultimo, forse, per ragioni di performance: mentre la soluzione 'dual-boot' funziona abbastanza bene, non provate nemmeno a utilizzare un'applicazione abbastanza 'impegnativa' con Parallels. questa funzione renderà certamente più facile la transizione da PC a Mac e può essere abbastanza utile in determinate situazioni. Se davvero hai bisogno di un aplplcazione "Windows -only" qutidianamente, non utillizzare davvero questa soluzione. Ti complicherà soltanto la vita....

 

Stabilità

Questo era un indiscutibile punto di vantaggio per Mac sin da quando Microsoft insisteva con quei detestabili schermi blu degli esordi. Comunque dobbiamo anche riconoscere che è sicuramente stato più difficile per Bill Gates e il suo team concepire un sistema operativo che lavorasse bene con migliaia di differenti componenti (per milioni di possibili combinazioni) che per Apple fabbricare un sistema che controlla solo un piccolo numero di componenti. tuttavia, il gigante di Redmond ha rtaggiunto l'obiettivo creando lo stabilissimo Windows 2000, che più tardi è diiventao Windows XP. Dopo l'esecrabile Windows Vista, Windows Seven è tornato in carreggiata e ti permette di lavorare tranquillamente, raggiungendo i livelli dell'eccellente OS X.

 

Ma una cosa deve essere chiara: il computer perfetto, esente da crash, non esiste, e bisogna dire che i crash su Mac e Windows sono sempre più rari. Questo non dovrebbe essere il punto decisivo della vostra scelta.

 

Sicurezza

In questo campo Mac batte il PC di molto. Se in Windows è una specie di suicidio navigare senza installare un Antivirus, molti utenti Mac fanno tutto ciò che vogliono fare nel web, quasi senza porsi il problema: virus, trojans e malware sono davvero una rarità per questa piattaforma. Perché ? Perché Mac OS x arriva da UNIX (padre anche di Linux), che è stato davvero ben pensato, molto affidabile,  sotto il profilo della sicurezza. Se il mercato di Apple si espanderà in futuro, forse il marchio diventerà anche più attraente per i "pirati" informatici, per ora è davvero rassicurante pensare di poter mordere la mela senza la paura di trovarci il verme!

 

Performance

La performance non rappresenta davvero un problema se consideriamo la legge di Moore, che dice che il numero dei transistor nella CPU raddoppia ogni due anni, dunque, la questione performance è davvero relativa tanto quanto volatile. La stessa cosa applicata ai sistemi operativi, continuamente aggiornati e ottimizzati: se dovessimo fare un paragone oggi tra due identici sistemi per sapere se OS X o Seven controlla meglio l'hardware, qualsiasi strambo risultato diventerebbe obsoleto dopo appena un paio di settimane... ti potresti giusto accorgere che OS X si carica più velocemente e che richiede meno RAM per lavorare rispetto a Windows.

E per le applicazioni musicali? Diciamo solamente che se decidessi di comprare domani un PC o un Mac, non ti accorgeresti di nessuna limitazione, a meno che non si decida di lavorare su un progetto di 130-tracce con convoluzioni di reverbero e plug-in dappertutto. Se questa è la tua intenzione, allora hai bisogno di qualcosa di davvero professionale, ma probabilmente non hai nemmeno bisogno di leggere una guida come questa, giusto?

 

Ergonomia e Filosofia

Sebbene Windows e mac OS X abbiano lo stesso ruolo e possano fare virtualmente le stesse cose, sono differenti in termini di design ergonomico. Anche la tastiera  è diversa: basta  solo un tasto  per digitare una "@" con un Mac, due per un PC. D'altra parte, ti servirà solo un tasto per uno screenshot con un PC e tre con un Mac. e a proposito del copia/incolla dei file in OS X? Non provarci  nemmeno. Al contrario, Apple+E è abbastanza per espellere una chiavetta USM mentre Windows necessita di diversi click. Disinstallare un software? Semplicemente trascina il tutto nel cestino per quel che riguarda un Mac, utilizza il noioso PC wizard altrimenti.

In breve, le differenze sono molte, e passare da un sistema all'altro potrebbe essere complicato (credetemi io li utilizzo entrambi al lavoro e sono molto vicino a diventare schizofrenico). Comunque, una volta che ti sarai abituato tutto andrà per il verso giusto.
Pensando a questi dettagli e alle possibilità di OS X e Windows più attentamente, è indubitabile che la questione ergonomica di Mac e PC ha a che fare con due differenti visioni del computer come prodotto. Da un lato, il PC punta alla massima flessibilità per il gusto della complessità: puoi metterlo a punto fin che vuoi e tuffarti nelle profondità del sistema per aggiungere un'infinità di features, cambiare componenti e fare anche degli errori. La gente interessata all'ottimizzazione e al settaggio del proprio computer forse preferiranno un PC.

 

Il Mac è meno flessibile, offre meno possibilità di customizzazione ma è sicuramente più accessibile. E' un prodotto per persone che hanno bisogno di un computer senza avere un particolare interesse nella tecnologia informatica: i creativi (musicisti compresi) e il pubblico in generale. L'estetica Apple esemplifica perfettamente questo punto: Steve Jobs e il suo team sono da sempre devotamente impegnati a offrire "bellissimi" prodotti per sedurre tutto il pubblico che rifugge la grezzissima estetica dei PC ( il che spiega il successo dell'iMac in passato). anche il packaging riflette questa intenzione: un Mac viene sempre consegnato in una scatola simpatica, carina e di classe. Niente di più lontano da quei goffi, marroni, bruttissimi scatoloni nei quali vengono consegnati per esempio i prodotti Dell o di altri costruttori di PC.

 

Questa strategia di accessibilità diffusa potrebbe sembrare un pochino strana considerando come si dividano il mercato i due sistemi operativi, ma questo paradosso è risolto non appena vengono considerati altri aspetti.

 

Apertura e Possibilità di Evoluzione

E i portatili?

Avrai probabilmente notato che questo articolo non tratta di noteboook. Questo perché i notebook Mac e Pc, Netbook e touchpad, meriterebbero un articolo solo per loro. Aspettando quell'articolo mi permetto di darti un consiglio: compre un portatile solo se hai davvero bisogno di essere mobile e non perché sono carini e risparmi spazio. Perché? Perché allo stesso prezzo, i portatili hanno una performance molto minore, minori possibilità di upgrading e sono molto meno ergonomici dei sistemi desktop (sia un tower o un  prodotto all-in-one-tipo-iMac).

Se qualsiasi affidabile PC tower può ospitare qualsiasi scheda sonora, hard disk (con o senza tecnologi RAID) o scheda grafica disponibile e qualsiasi accessorio compatibile, certamente non il caso della maggior parte dei prodotti Mac. Vuoi usare una scheda sonora PCI? Dovrai comprare un Mac Pro o desistere. La stessa cosa se pensi di utilizzare hard drives RAID 0+1. E cosa dire della mancanza di un lettore Blu-Ray per Mac nonostante il fatto che sia diventato così popolare?

 

IInfatti, al di fuori del Mac Pro formato standard (tower+schermo), tutti i mac vengono venduti in un piccolo box che non può essere esteso (il MacMini è davvero il prodotto meno interessante di Apple considerando che è come un notebook senza uno schermo e tastiera piuttosto che un vero e proprio desktop computer), o come una soluzione 'in-screen' integrata, dall'aspetto accattivante e ben pensato, ma davvero limitato in termini di espnsione rispetto a un PC. Essendo l'unico a utilizzare accessori addizionali o a poter espandere un sistema che comunque invecchia, il Mac Pro è l'unico prodotto Apple che soddisfa l'esigenza della modularità. l'unico problema per quel che riguarda il Mac Pro  è l'etichetta del prezzo...

 

Comunque, rimanendo in argomento, questo non è necessariamente un problema: un iMac può diventare una potente DAW. Le uniche fregature saranno che avrai bisogno di utilizzare una scheda audio esterna (o quella integrata) e fare a meno del sistema garantito della Raid 0+1 utilizzando enormi sample banks. Insomma, fornisce una qualità di performance davvero alta, ma ha limitate opzioni paragonato a un Mac Pro o a un PC.

 

Prezzo

I Mac sono diventati molto più affidabili da quando hanno cominciato a utilizzare Intel CPU, ma sono ancora più costosi di un PC con configurazioni hardware molto simili. In altre parole, i PC low-budget sono più abbordabili dei computer Mac. Il computer meno costoso della Apple costa $599 ( un MacMini senza schermo, tastiera o mouse) mentre potrai trovare un PC completamente equipaggiato per circa $400. Senza contare gli accessori Apple e le connessioni che possono essere irragionevolmente costose dato che il produttore ha pensato di installare formati nonstandard che hanno bisogno di adattatori.

 

il peggio è quando, volendo comprare un Mac tower, sei costretto a comprare un Mac Pro al prezzo di  $2,499 (anche di più) nell'Apple Store. Un bel gruzzoletto che in altro caso potrebbe essere destinato a comprare due buoni PC di fascia media. Non oserò stimare il valore effettivo di un Mac Pro perché sarei influenzato da altri elementi più o meno soggettivi, come la qualità di assemblaggio, il look e il packaging. Dirò soltanto che offrendo solo sistemi tower nella schiera di computer Pro, la Apple dichiara apertamente la propria filosofia elitaria che giustifica il suo magro 10% del mercato rispetto alla ben più grande quota dei sistemi PC.

 

Mode & Cultura

L'utlimo criterio, davvero soggettivo, riguarda l'immagine e l'immaginario legato ai due prodotti, solitamente legato a considerazioni davvero esagerate. A quest proposito, potresti sentire un sacco di di storie davvero divertenti (le pubblicità della Apple sono divertenti per esempio), ma anche diverse stupidaggini, che tenterò di riassumere qui:

Uguisen 'Mac fan' dirà che i PC vanno continuamente in Crash, sono brutti, non sono ergonomici e che ci mettono un'eternità a fare delle cose che con un Mac  potrebbero essere fatte in pochi secondi. Dirà anche che Microsoft ha sempre copiato Steve jobs - il quale, comunque, è pure abbastanza simpatico, mentre Bill Gates è soltanto un malvagio imperialista che venderebbe sua madre pur di fare soldi - , che un Mac è molto più carino, più potente e pratico e che, se anche più costoso, ne vale definitivamente la pena. E poi Logic offre il migliore rapporto qualità prezzo sul mercato. Punto.

 

Un 'PC fan' dirà che non vuole scialacquare i propri averi per un computer fighetto, che può controllare il suo computer in ogni singolo aspetto  mentre nessuno può controllare un Mac, che un PC non va in Crash se sai come usarlo, che non deve aspettare tre anni, e che comunque potrà giocare anche ad altro che non sia The Sims, che Apple è soltanto apparenza  e che un sacco di PR fanno dimenticare alla gente che non è stata questa compagnia a inventare il mouse, né la scheda grafica, né il lettore MP3, né il multi touch-screen, che la Apple, come Microsoft,  non sembra aspirare ad altro che soddisfare i propri azionisti. Punto.

 

Per chiudere queste appassionate citazioni, vorrei soltanto dire che l'immagine di entrambi i sistemi (Mac e PC) cambia al cambiare delle mode: cinque anni fa, molti teenager ancora consideravano il Mac un computer per i loro genitori o nonni, mentre oggi ucciderebbero per tenere nelle loro mani un iMac...

 

Testa o Croce? Meglio Chiamare un Amico.

L'ultimo importante criterio di scelta sono ... i tuoi amici. Se non hai idea di come funzionino i computer o le DAW e puoi contare su un buon amico che ti possa aiutare, fatti un favore e fai la stessa scelta che ha fatto lui:  ninete di peggio che  darti una mano se tu utilizzi un Mac e lui un PC (o viceversa), perché pensi che ne sappia più di te in fatto di computer...

Conclusione

Nel caso dovessi comprare un Mac o un Pc, spero che questo articolo ti abbia aiutato. Dovrei essere più preciso? Ok, ecco la mia opinione ( che condivido sapendo che riceverò un sacco di insulti in risposta)
  • Se il tuo budget è limitato, sotto i $1000, compra un Pc e dimenticati del MacMini.
  • Se non hai abbastanza soldi per comprarti un software, prenditi un Mac con Garage Band (o un PC meno caro) con la versione più leggera di un sequencer e il materiale freeware disponibile.
  • Se i soldi non sono un problema e vuoi un computer per fare musica, per lavoro di ufficio e multimedia, compra un Mac. E' come un PC molto buono.
  • Se sei un appassionato di videogiochi o usi programmi specifici e professionali, compra un PC.
  • Se non hai alcuna abilità con i computer e non sei nemmeno sicuro che ti interesserebbe averne, compra un Mac.
  • Se hai intenzione di customizzare il tuo impianto di lavoro, e dire cose tipo "il registro deve essere compresso" in pubblico, compra un PC.
  • Se il tuo migliore amico si mostra disponibile a insegnarti qualcosa sui computer, scegli lo stesso che ha lui e la vita sarà molto più semplice  per entrambi.
  • Se hai già deciso di dover utilizzare un determinato software, la tua scelta sia coerente al sistema supportato dal software.
  • Se hai già avuto rapporti ravvicinati con un Mac mantieniti sulla stessa piattaforma. Lo stesso vale per i PC.
  • Infine, se non sei sicuro: non dimenticare che sarà comunque molto più facile che perdersi dentro u a poesia di Robert Frost, per esempio. Comunque probabilmente finirai per comprare un nuovo computer entro i prossimi quaattro anni perchè la tua scelta nel frattempo sarà diventata obsoleta.

 

Per il momento fermiamoci qui. Adesso è giunto il momento di dire la vostra, cliccate sul link qui sotto e commentate, se volete.

 

Rispondi per primo a questo articolo
  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it