Fender Road Worn '50s Telecaster
+
Fender Road Worn '50s Telecaster Chitarra Corpo tipo Telecaster

Road Worn '50s Telecaster, Chitarra Corpo tipo Telecaster from Fender belonging to the Road Worn '50s Telecaster model.

  • Modifica la dimesione del testo
  • Stampa

Fender Road Worn Series: il Test

Chitarre Vissute o Chitarre Truccate?

  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it

Che cosa dovrebbe fare un chitarrista impaziente se cercasse una chitarra “vissuta”, consumata, invecchiata da anni di concerti e pentatoniche, ma non gli andasse di aspettare il tempo necessario per cercarla e trovarla? Ci sarebbero due opzioni: o acquistare una vecchia chitarra usata qualunque, oppure comprarsi una “relic” che, come alcuni jeans, è nuova, ma inveccchiata artificialmente. Come la serie Worn Road, che testeremo oggi…

Chitarristi come Rory Gallagher, Stevie Ray Vaughan e Joe Strummer hanno  fissato nelle nostre menti  immagini di  chitarre utilizzate e abusate,  con vernice sbiadite e logorate, hardware ossidato e pickup arrugginiti. Non sorprende quindi che molti chitarristi siano andati a cercare vecchi modelli con questo aspetto, e avere una Stratocaster con lo smalto scalfito e ammaccato è diventato molto “hip”. Obiettivamente, tuttavia, la principale ragione per la quale molti artisti in passato hanno cercato queste chitarre ammaccate, era fondamentalmente il prezzo. Spesso acquistate in seconda mano al monte dei pegni per pochi dollari a causa di loro condizione, erano una buona scelta, per  ottenere un  “suono grande” a un basso costo.

Insomma, a poco a poco , è diventata una moda avere una chitarra che portasse i segni del tempo. E poiché le Stratocaster degli anni sessanta sono diventate inaffidabili, la Fender ora sta offrendo, attraverso il suo negozio personalizzato, remake di “relic”, che arrivano fresche fresche della fabbrica con quel look consumato. come se fossero sulla scena da ormai una decina d’anni.

Prima di provare una di queste “relic” ero molto scettico sull’intero concetto: ammaccature e scalfiture fatte in fabbrica ad hoc sul corpo?…, ci posso riuscire molto meglio io, grazie. Eppure quando mi è capitata in mano una relic Stratocaster , è stato subito chiaro che la chitarra era molto più di una trovata! È una sensazione molto soggettiva, naturalmente e varierà da un chitarrista all’altro, ma ho sentito che questo chitarra sembrava avere “qualcosa in più” e mi ha dato la sensazione di avere davvero in mano una chitarra d’epoca, anche se in questo caso la parte “vintage” era un’illusione. Il processo di invecchiamento sembrava tanto riuscito che mi sono chiesto se fosse una reissue o un originale prima di sapere che era il prodotto del  Custom Shop. I modelli Custom Shop, tuttavia, costano: si naviga  allegramente iui 2500 € / 3000 € per questi modelli, tutti fatti a mano.

Fender dunquei ha deciso di rendere più accessibili le “relic” lanciando la serie Worn Road. Il concetto è semplice: nella fabbrica Fender messicana, le chitarre vengono sottoposte a una “fase di invecchiamento relic”, sempre a mano, ma il tutto a un prezzo intorno ai 1000 euro. Vediamo se la sensazione di suonare un pezzo da Museo è  ancora presente su queste Road worn relics?

On the Road Again
La serie Road Worn è disponibile in diversi modelli:

  • 50’s Stratocaster, tastiera in acero, disponibile in nero o in sunburst 2-tone
  • 60’s Stratocaster, tastiera in Palissandro, disponibile inbianco”olympic” o in sunburst 3-tone
  • 50’s Telecaster, tastiera in acero, disponibile in “blonde” o in sunburst 2-tone

Tutti i modelli condividono, oltre all’aspetto della relic, la stessa finitura laccata in nitrocellulosa stesso l’elettronica  “Tex-Mex ”.

Il tocco “relic” riguarda 4 aspetti dello strumento. Primo, il più visibile: Smalto vetusto e logorato. Già inizialmente molto sottile, la vernice di cellulosa è nota per essere fragile, per segnarsi ed ammaccarsi facilmente. Fender ha giocato su questi quattro aspetti per simulare l’usura caratteristica dei modelli d’epoca:

Ammaccature  in tutto il corpo, segni della tracolla e graffi sul retro, le vernici sono logorate  sul corpo, specialmente dove le braccia del musicista vengono a contatto con il body della chitarra. La vernice del manicoviene sottoposta anche un processo di invecchiamento, come se già la sudorazione avesse agito per molti anni. La vernice scomparirà sul legno dietro il manico, soprattutto vicino alla paletta.

Per quello che riguarda l’hardware, il ponte (o vibrato) è ossidato e arrugginito e tutto l’hardware ha perso il suo lucicchio. Anche i pickup e i potenziometri sono stato trattati per sembrare vecchi.

Non c’è alcun modo di dire che la chitarra sia nuova. Personalmente ho trovato il trattamento “relic” nei modelli della serie Worn Road meno sottile rispetto alla Custom Shop, in particolare per quel che riguarda l’usura del manico, ma il risultato è ancora molto positivo, soprattutto alla luce della differenza di prezzo!

Una blonde 50’s Telecaster e due Stratocasters (50’s e 60’s) sono state messe alla prova. Una cosa era immediatamente evidente: la somiglianza del processo di invecchiamento su entrambe le Stratocasters. In particolare i marchi e l’usura del tempo sul corpo erano molto simili su entrambi modelli sperimentati. Naturalmente questo riflette il basso costo di questi modelli: la standardizzazione e ‘industrializzazione della “Relic”. Anche so scoperto, dopo aver parlato con la Fender, che il processo è fatto a mano dai lavoratori, la normalizzazione del metodo è palese.

Questo non è necessariamente un negativo, e niente di impedisce di usare un po’ di carta vetrata per personalizzare lo strumento nel modo desiderato, o persino, chissà, lasciare che sia il tempo a fare la stessa cosa…

Una cosa importante da ricordare prima di chiudere questo capitolo, sotto le ammaccature, la costruzione e la parte artigianale, sono buone e solide. Ci stiamo sempre occupando di strumenti qualità.

ll suono

Per quanto riguarda il suono, siamo nell’ambito dei timbri Fender classici senza troppe sorprese. I microfoni tex-mex hanno un suono rock blues essenziale e potente, bello senza andare molto  più in là. La Stratocaster suona come un Stratocaster: ideale per il funk così come per il classic rock, e la Tele suona come una Tele, con il suo caratteristico twang e una predisposizione per riff incisivi.
Meglio ascoltare gli esempi seguenti:

Conclusione

Per la verità, sono indeciso. Queste chitarre Road Worn sono un po’ più costose dei modelli messicani standard. La finitura “relic” costerà pochi centinaia dollari di più, il che è logico, visto che si tratta di lavoro aggiuntivo. Tuttavia, questo trattamento appartiene solo all’ aspetto estetico/visivo e non influenza per nulla il suono, sul quale non esiste, ovviamente, nessuna obiezione, è la classica salsa “Tex-Mex”.

La finitura è davvero eccellente e fatta con attenzione al dettaglio. Niente è lasciato al caso, per la vernice, per l’hardware o per la plastica, l’impressione disuoanre una chitarra di  30 anni fa! Inoltre, uno dei vantaggi di queste chitarre è che il look Worn può far emergere un atteggiamento diverso rispetto a una chitarra nuova. Anche se lo strumento è, infatti, nuovo, ti senti meno responsabile di graffiarlo o ammaccarlo sentendoti più a tuo agio  fin dall’inizio.

Per chi non ha mai avuto una di questa chitarre artificialmente invecchiate, suggerisco un test in un negozio, ma lasciate alla porta i pregiudizi; potrebbero esserci sorprese!

+ Qualità delle finiture Relic
+ Tex Mex PickUp
+ Lavorazione
+ Prezzo accessibile
+ La sensazione

- Finiture Relic molto simili tra i modelli testati


Rispondi per primo a questo articolo
  • Like
  • Tweet
  • +1
  • Pin it